Sagra del Gambero del Trasimeno – San Savino

STAFF TrippaAdvisor, 22/08/13

header

metà di agosto

Valutazione:

3,5 ganasse


Recensione:

Quella di San Savino è una delle sagre caratterizzate dai prodotti più tipici che il territorio in cui si svolge sappia offrire. E’ una manifestazione di lungo corso che valorizza la cucina di pesce di lago, situata in un tipico borgo che domina le colline che circondano la sponda meridionale del Trasimeno.
La conformazione del borgo e della sua viabilità crea subito un piccolo fattore di scomodità all’arrivo, con il parcheggio adiacente all’area festa che si tende a riempire subito ed il conseguente obbligo di parcheggiare nell’ampio vigneto situato al bivio ai piedi del borgo, che “costringe” gli avventori a 500 metri di salita a piedi per raggiungere la festa.

La sagra è molto frequentata, e il tabellone numerico eliminacode ci fa presente che dobbiamo aspettare oltre 100 numeri. La pazienza non ci fa difetto, e dopo 45 minuti riusciamo ad ordinare.

In alternativa dall’edizione 2014, è possibile ordinare tramite smartphone o tablet tramite un comodo sito internet raggiungibile con un’apposito QR-Code esposto fuori dalla cassa che, una volta scansionato, permette di inserire il proprio ordine senza dover fare la fila, pagando poi direttamente al tavolo.

I prezzi delle pietanze di pesce di lago sono nella norma, ed in alcuni casi contenuti, mentre il menù di carne è nella media. Antipasti e contorni sono abbastanza competitivi in termini di costi. I piatti di pesce si alternano nel corso delle serate (anche se c’è sempre molta scelta), mentre quelli di carne sono fissi.
Ci sediamo a uno dei tanti tavoli presenti trovando uno dei pochi posti rimasti e rimaniamo in attesa delle pietanze per circa 40 minuti dopo aver consegnato il buono. Ci arriva tutto insieme, per cui siamo costretti ad accantonare momentaneamente l’antipasto freddo, per non far perdere fragranza ai primi e ai secondi.

Come primi piatti scegliamo taglierini al gambero e gnocchetti alla tinca affumicata. I taglierini sono ottimi sia per consistenza che per condimento e riescono a raccogliere bene il sughetto di gamberi che è davvero buono. Gli gnocchetti sono deliziosi nella loro consistenza “ideale” (né troppo compatta né troppo molliccia) ed accolgono l’abbondante e saporito sugo, dove la polpa affumicata della tinca risalta trionfalmente.
Di secondo andiamo sugli spiedini di persico e sulla frittura di pesce. Gli spiedini sono stuzzicanti: la carne di persico leggermente impanata ed appena arrostita dà un senso leggero e gustoso al piatto. La frittura si riassume in filetti di persico fritti nella pastella: la carne è tenera ed un pezzo tira l’altro, anche se la pastella non è molto croccante e (se non mangiati subito) tende a perdere di fragranza.

Chiudiamo quindi stranamente tornando al piatto saltato in precedenza: l’antipasto di pesce. Il piatto si compone di tre crostini molto sfiziosi, uno con persico e pomodorini (forse un po’ troppi, visto che sovrastano il sapore del pesce che tende a non sentirsi), uno con un gustoso patè di tinca affumicata ed il terzo assolutamente originale con uova di regina (tipico pesce del Trasimeno), dal gusto non forte. Veramente buoni sono i gamberi, la cui carne polposa e solo leggermente condita è un bijoux per il palato.
Accompagniamo il tutto con un grechetto locale, di buona beva finché fresco. Purtroppo l’attesa per i piatti lo scalda un po’ e la resa in accompagnamento al cibo non è delle migliori.

Il giudizio sulla qualità gastronomica della sagra non può che essere molto positivo. I piatti, alcuni dei quali assolutamente unici nel panorama delle sagre del territorio, sono cucinati bene e con delle materie prime in gran parte molto fresche e ricercate. Un piccolo suggerimento può essere quello di aumentare le portate a base di gambero, che rimane pur sempre il protagonista “di cartello” della sagra, ma la valutazione globale è già molto buona.

 

fronte sansavino_menu

Dove:

Centra mappa
Traffico
In bicicletta
Trasporti

 

,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,

5 thoughts on “Sagra del Gambero del Trasimeno – San Savino”

  1. Antonella ha detto:

    Se andate a questa sagra siate consapevoli che il servizio è lentissimo; ieri sera, dalle 20 circa, abbiamo iniziato a mangiare, dopo molteplici sollecitazioni, alle 22.45. Alle 23,30 non avendo ancora avuto la torta con salsicce, c’è n’è siamo andati infreddoliti e incazz….ti. MAI PIÙ. Siete avvisati.

    1. STAFF TrippaAdvisor ha detto:

      Grazie per il tuo commento!
      Eravamo anche noi a San Savino ieri sera e in effetti in questa occasione l’attesa è stata a dir poco “estenuante” 🙂
      Ci hanno detto però che il giovedì di solito è la serata “clou” con una marea di coperti (in effetti era un dramma trovare posto sia per parcheggiare che per accomodarsi) per cui in qualche modo ci sentiamo di giustificare un po’ di attesa.

      1. Marco ha detto:

        Un grazie speciale per le belle parole spese nell’articolo. Ogni anno cerchiamo d migliorarci e leggere questi articoli ci riempe di soddisfazione e ci ripaga di tutto l’impegno e la fatica che una sagra così richiede. Grazie ancora! Un caro saluto, Marco.

        1. STAFF TrippaAdvisor ha detto:

          Facciamo solo il nostro “lavoro” di buone forchette… eheheh

    2. Marco ha detto:

      Salve Antonella, sono il vice-presidente della Pro Loco di San Savino. Durante la Sara ero una delle “magliette gialle” che giravano per la sala con i tablet.. Mi dispiace leggere il suo commento e soprattutto che non l’abbia potuta assistere così come avremmo dovuto. La serata ha visto un afflusso di persone oltre ogni aspettativa e la cucina andata n po’ in crisi. Le rinnovo le scuse e la invito a fine Ottobre alla Sagra del Latterino, così che possa farle vedere quello ce realmente riusciamo a fare.. Un caro saluto, Marco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *