Festa della Scartocciatura – San Martino in Campo

STAFF TrippaAdvisor, 27/08/11

sanmartinoincampo

fine agosto – inizio settembre

Valutazione:

3,0 ganasse

30ganasse

Recensione:

Sagra storica che sfrutta grandi spazi ed un paese a misura d’uomo per richiamare ogni anno tantissimo pu

bblico. La folla media richiede una certa dose di pazienza, soprattutto per ordinare. Una volta fatto, posto a sedere ce n’è in abbondanza e il servizio è puntuale. I tempi di attesa per mangiare non sono brevi, ma c’è la parziale scusante dell’alto numero di persone. I prezzi delle pietanze sono buoni, relativamente bassi per le torte (soprattutto viste le porzioni), le bevande alla spina e qualche singolo piatto qua e là. Menù classico da sagra umbra, con una base fissa e tre piatti speciali per ogni sera. Nel dettaglio: tagliatelle al cinghiale discrete, buon sugo, ma troppo parmigiano che rende tutto troppo salato; polenta al cinghiale non eccezionale, da rivedere il condimento del cinghiale (cipolline???); ottimi i fagioli con le cotiche; patatine fritte buone; torta al testo non proprio genuina, mascherata bene dai vari ripieni (buone le salsicce).

La specialità è ovviamente la spiga di granoturco, ma lì c’è poco da giudicare, visto che viene semplicemente cotta sulla brace.

 

sanmartinosanmartino2

 

Dove:

 

STORIA DI SAN MARTINO IN CAMPO

Il territorio è caratterizzato da resti di colonizzazione umbra, etrusca e romana. Il nome deriva probabilmente dal fatto che vi si organizzava, in epoca romana, un Campo di Marte (accampamento di soldati). Esso venne poi dedicato dai cristiani a S. Martino Guerriero, nel V secolo. L’opera dei Benedettini bonificò la zona intorno all’anno 1000, per poi fondarvi una pieve gestita dall’abbazia di San Pietro a Perugia. Nel 1163, un diploma del Barbarossa nomina il paese per la prima volta. Nel 1380 si dà avvio alla costruzione di un castrum fortificato, la cui opera fu continuata anche grazie ad una delibera dei Priori di Perugia, datata 1382. Dal XVI secolo in poi, San Martino in Campo entra definitivamente nel novero dei territori di Perugia.

 

,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.